3^ giornata: SINTESI Came Dosson-Imola

3^ giornata: SINTESI Came Dosson-Imola

19 Ottobre 2015             

CAME DOSSON-IMOLA 6-5

 

 

 

Per la terza di campionato la CAME Dosson in completo bianco scende in campo con Bonora tra i pali, Belsito sulla centrale a smistare palloni, Sviercoski e Palomeque per le scorribande laterali e Quinellato per creare danni in area avversaria. Dalla sponda opposta l’Imola in completo a strisce orizzontali rosso-blu di Mr. Pedrini risponde con il quintetto base che vede Juninho tra i pali, Vignoli “The Wall” a infondere sicurezza alla retroguardia, Revert Cortés e Dalle Molle sulle fasce laterali e Borges per scardinare la difesa dossonese.

Parte a bomba l’Imola che mette la CAME alle corde per i primi 5 minuti: già al 1’ è Cortes che impegna Bonora con un fendente dalla sinistra che costringe il portiere a smanacciare in angolo. Ancora al 3’ Cortes azione in fotocopia sulla banda destra e ancora l’estremo CAME sceglie di rifugiarsi sul fondo. Al 4’ il primo timido affondo dei dossonesi con Palomeque che tenta per 2 volte di superare Juninho ma senza successo. Al 5’ Cortes ci riprova ma il tiro è centrale e termina sulle braccia dell’estremo CAME ma il gol è nell’aria: è il killer Borges ad aprire le marcature al 6’ su perfetto filtrante del piede caldo di Cortes: 0-1. Prova a reagire la CAME con Bellomo ma Juninho para agilmente. Al 7’ è ancora Borges il più ispirato che si fa trovare pronto sulla sinistra, salta anche Bonora e appoggia in rete lo 0-2: gelo al PalaDosson.

Al 9’ la dea bendata sceglie di dare un po’ di fiato alla CAME: un tiro insidioso dalla distanza di Sviercoski viene deviato da Castagna al centro della propria area e di fatto mette fuori causa l’estremo Juninho: 2-1 speranze riaccese per il Dosson. Al 10’ è il tandem Crescenzo-Quinellato che pasticcia in area Imola e non realizza. Sul fronte opposto invece è bravo Bonora a dire di no al solito Borges. Al 12’, questa volta, è sfortunata la CAME che con Palomeque imbeccato da calcio d’angolo sbatte contro la traversa ma il gol è nell’aria: ci pensa l’esperienza di Bellomo da sinistra e di punta a ristabilire gli equilibri: 2-2.

Al 14’ e al 15’ sale in cattedra Juninho che prima disinnesca un missile terra-aria di Palomeque scagliato da centro campo e successivamente vola plastico e devia in angolo un velenoso pallonetto di Sviercoski dalla tre-quarti. Al 17’ è Castagna che si fa perdonare per l’autogol ed è il più lesto di tutti ad insaccare una palla vagante in area CAME che batte contro il palo: 2-3 e gli arbitri fischiano l’intervallo delle ostilità.

E’ di tutto altro piglio la CAME che scende in campo all’inizio della ripresa: ci prova subito Belsito ma capitan Vignoli salva sulla linea. Poi è Palomeque dalla desta che tira fuori. La CAME inevitabilmente porge il fianco agli avversari e al 4’ arriva la doccia fredda: Borges tutto solo in contropiede trafigge Bonora centralmente: 2-4.

Al 7’ Bellomo riprova la magia del primo tempo ma questa volta sbaglia ad incrociare il pallone. Al 11’ è ancora Bellomo che non ne approfitta su un pallone non trattenuto da Juninho. Dalla sponda opposta è Bonora a tenere in piedi la baracca più volte sempre sullo scatenato Borges.

Al 16’ Mr. Rocha pesca la carta del quinto uomo con Bordignon portiere volante ma la CAME è ancora troppo lenta a girare e quindi lo stratega verde-oro estrae un nuovo coniglio dal cilindro: cambio del portiere volante fuori Bordignon dentro Sviercoski. È la svolta della partita! Al 16’ è Bellomo che accorcia le distanze: 3-4. 10 secondi più tardi è Vignoli che allunga nuovamente su punizione per il 3-5 ma la CAME ormai a testa bassa cerca solo di sfruttare al meglio la superiorità numerica qualunque esito possa accadere. Gli ultimi 3 minuti sono da cardiopalma: al 17’ è Palomeque che riaccorcia sul 4-5. 20 secondi più tardi Bellomo firma l’aggancio 5-5 e al 18’ è di nuovo Palomeque che scolpisce il vantaggio 6-5. Gli ultimi secondi della partita scorrono con l’Imola frastornato che prova almeno a portare a casa un punticino ma l’unico tiro in porta viene controllato da Bonora sul fondo.

Nel complesso possiamo dire che la CAME, tolti gli ultimi 5 minuti, ha giocato una partita bella solo a sprazzi. Il primo tempo è emersa la grande solidità e concretezza dell’Imola che con il l’asse Juninho-Vignoli-Cortes-Borges ha dimostrato ampliamente di meritarsi la posizione di alta classifica occupata. Nel secondo tempo è uscito l’orgoglio CAME che dopo tanta sofferenza e un gioco un po’ macchinoso e lento ha saputo sfruttare al massimo il fattore quinto-uomo. Forse il risultato più giusto era un pareggio ma facciamo tesoro di come sono arrivati questi ulteriori 3 punti e il primato conseguente in classifica. La strada verso gli obbiettivi finali è comunque ancora molto lunga come distante sarà anche il prossimo impegno a Prato di sabato prossimo. Oltre a goderci la vittoria ci auguriamo di continuare a vedere la squadra crescere confezionando nuove e convincenti vittorie.

 

Came Dosson: Bonora, Vascello, Bordignon, Palomeque, Rosso, El Hamoudi, Sviercoski, Belsito, Genovese, Quinellato, Crescenzo, Bellomo. Allenatore: Rocha

Ma Group: Carpino, Scala, Barbieri, Conti, Escobar, Venturelli, Revert Cortés, Borges, Castagna, Vignoli, Dalle Molle, Juninho. Allenatore: Pedrini

Arbitri: Raffaelli (Terni) – Vannucchi (Prato)

Cronometrista: Bullo (Chioggia)

Marcatori: 5'40" pt Borges (Ma), 7'30" pt Borges (Ma), 9'pt aut.Castagna (D), 12'35"pt Bellomo (D), 16'40"pt Castagna fine primo tempo 2-3; 3'40"st Borges (Ma), 16'03"st Bellomo (D), 16'13"st Vignoli (Ma), 16'45"st Palomeque (D), 17'10"st Bellomo (D), 17'28"st Palomeque (D) fine partita 6-5.

Ammoniti: Belsito (D), Castagna (Ma), Vignoli (Ma).

 

 

MATCH LIVE

RISULTATO  E FORMAZIONI IN TEMPO REALE